Numerologia

Calcola i tuoi numeri

La Numerologia è un ottimo strumento per conoscere se stessi in modo semplice e chiaro. Ognuno di noi ha una personalità con certe caratteristiche che ci spingono  a pensare e ad agire secondo specifiche modalità. Conoscendole, abbiamo la possibilità di utilizzarle e gestirle in base alle nostre esigenze.

Da nome, cognome e data di nascita si ricava il quadro numerologico, un insieme di sei numeri base che ci aiutano a conoscerci meglio, a comprendere comportamenti e modi di agire che ci caratterizzano.

Nella numerologia i numeri non hanno un valore matematico; possiamo considerarli come “qualità”, che in modo prevalente ci caratterizzano e che abbiamo a disposizione per muoverci nel mondo. C’è chi è più determinato, chi è più dolce, chi più passionale e così via. Ogni numero porta un ventaglio di qualità con una radice comune.

In numerologia i numeri sono visti anche nella loro veste archetipica. Gli archetipi sono immagini primordiali universali, riconosciuti da tutta l’umanità, che fanno parte dell’inconscio collettivo individuato dallo psicologo Jung. Per fare qualche esempio, possiamo citare il guerriero collegato al numero 1, il fanciullo collegato al numero 2 e così via.

NUMERI che derivano da Nome e Cognome 

(dalla carta d’identità) 

Anima: è la somma dei numeri derivanti dalle vocali di nome e cognome. Indica le caratteristiche della nostra parte più intima, che mostriamo solo alle persone che conosciamo. E’ collegato anche all’aspetto emozionale.

Persona: è la somma dei numeri derivanti dalle consonanti di nome e cognome. Indica come ci mostriamo agli altri, o meglio come ci vedono gli altri, che ancora non ci conoscono a fondo.

Espressione o Io: è la somma dei numeri di Anima e Persona. Indica come ci muoviamo nel mondo, in quale modo tendiamo ad affrontare le cose

NUMERI che derivano dalla data di nascita

Destino: è la somma dei numeri della data di nascita. Si attiva con il passare degli anni e indica la qualità che ci porta la vita col suo fluire.

Ombra: è la sfida della vita, la parte di noi che vuole essere integrata. Emerge nei momenti di difficoltà affinchè possiamo vederla e trasformarla. 

Si calcola così:
ombra della gioventù = numero dell’anno – numero del giorno
ombra della maturità = numero dell’anno – numero del mese
ombra principale = gioventù – maturità

Quintessenza: è la somma dei numeri di Espressione e Destino. Rappresenta la quintessenza dei numeri. Agire le caratteristiche della nostra quintessenza ci fa stare bene. Quando ci muoviamo nel mondo in contatto con le energie archetipiche del numero della quintessenza proviamo una sensazione di benessere e soddisfazione.

LA MAPPA NUMEROLOGICA DI NASCITA

La mappa Numerologica di nascita scoprirai i numeri fondamentali che contengono la tua essenza. La Mappa Numerologica di Nascita rivela le nostre parti più profonde e come ci mostriamo al mondo. Ci dà indicazioni su come procedere nel percorso della nostra vita, mettendo a frutto i talenti che possediamo e la capacità di affrontare le sfide che si presentano durante il cammino. Individua le nostre passioni e le lezioni karmiche da apprendere, facendo emergere il modo in cui  sappiano cogliere le opportunità e superare gli ostacoli.

Per creare la tua Mappa numerologica contattaci:

Renata 3494772073 – biodanzarenata@gmail.com

Manuela 3395638717 – corbetta.manuela@gmail.com

SIGNIFICATO DEI SINGOLI NUMERI

NUMERO 1

Parole chiave: indipendenza, coraggio
E’ uno spirito libero con un grande ‘Desiderio di libertà’. Determina con la forza del suo spirito la direzione del suo presente. Traccia il suo territorio. Le sue qualità sono: leadership, determinazione, dinamicità, intraprendenza, capacità di raggiungere gli obiettivi. Ha doti da innovatore e da pioniere. Adatto a lavoro da libero professionista.

Archetipo: guerriero   –   Colore: rosso   –   Pietra: rubino, granato, diaspro

In ombra
Può diventare insicuro e chiedere troppo spesso consiglio agli altri. Può anche diventare aggressivo e rabbioso.La tematica fondamentale dell’uno in ombra è l’autostima. Necessità di veder riconosciuto il proprio valore. Lo stato ombra potrebbe dipendere dalla relazione con il padre che poteva essere

NUMERO 2

Parole chiave: sensibilità, intuizione
E’ sensibile, ricettivo, gentile e premuroso verso gli altri. Si fa in quattro per vedere gli altri felici. Ha il dono dell’empatia con cui si sintonizza sulla stessa lunghezza d’onda degli altri. Il bisogno di armonia lo rende adatto al ruolo di paciere e mediatore. Se ha il numero 1 o 8 è più ambizioso e competitivo. Ama sentirsi “al riparo” (prendere rifugio).
Tende a ricreare simbiosi originaria con la madre. Dà importanza alle ricorrenze.

Archetipo: fanciullo – Colore: arancione – Pietra: corniola
Il colore arancione è associato alla gioia. In cromoterapia l’arancione aiuta ad essere più tolleranti, a dissipare il rancore, la critica e l’amarezza.

In ombra
Piuttosto che rimanere solo, accetta un rapporto inadeguato. Può confondere l’amore con il bisogno di sicurezza e di protezione e ciò può creare dipendenza psicologica.

Rischia di cadere nel ruolo di vittima. Passa nello stato bloccato dell’archetipo fanciullo: l’orfano.

NUMERO 3

Parole chiave: espressione, rapidità di pensiero, creatività, spirito adolescenziale

É estroverso e spinto dal desiderio di manifestare i propri talenti. Ha capacità di immedesimazione, capacità di comunicazione e doti da camaleonte. Ha capacità di immedesimarsi nell’altro e di parlare la stessa lingua. Adatto lavoro creativo è portato per il mondo dell’arte e del teatro. Ha molta espressività e capacità di comunicare con il corpo. Leggerezza e capacità di sdrammatizzare.

Archetipo: giullare    –    Colore: giallo    –    Pietra: topazio giallo, ambra, quarzo citrino.
Il colore giallo è associato alla curiosità e all’entusiasmo. Utile per guarire la depressione, periodo di rinascita.

In ombra
Può avere difficoltà a percepire se stesso. Può diventare troppo camaleonte calandosi nei ruoli per essere gradito, per piacere agli altri. Così ottiene i vantaggi di essere in sintonia con gli altri ma non con se stesso e tende ad annullarsi. Calandosi nei vari ruoli non rimane in contatto con chi è veramente. Nasconde bisogno di approvazione. Ha la tendenza a rimanere in superficie e a dissimulare il suo vero essere. Vive il tema della fuga da se stesso che potrebbe rivelare un’autostima carente, mascherata da un comportamento impeccabile. Ha la tendenza a cambiare direzione quando si avvicina al nucleo di se stesso. Passa rapidamente da una cosa all’altra, disperdendo le energie

NUMERO 4

Parole chiave: stabilità, organizzazione

Il suo simbolo è il quadrato, stabile sui quattro lati. Secondo Platone il tre ha a che fare con i progetti e il quattro e la realizzazione dei progetti. Ha una forte attrazione per ciò che è tangibile e materiale. Personalità “quadrata” con un forte senso della realtà, un istinto pratico e amore per l’ordine. E’ legato al corpo. Il quattro è importante per il lavoro: lavoratore serio ed affidabile con una intelligenza pratica. Molto paziente. A differenza dell’uno che preferisce l’indipendenza, il quattro riesce a lavorare bene in gruppo. Ha doti amministrative, di precisione, di ordine. Ama i lavori manuali. Agisce in modo lento e progressivo per costruire il suo futuro. Non ama i cambiamenti. Ha bisogno di sicurezza. Privilegia le relazioni stabili e durature. Poiché ha paura di lasciarsi andare, si difende con una corazza di logica e razionalità. Secondo il Mito di Brahma che rappresenta l’architetto del mondo. Tutto ciò che è terra richiama il simbolismo del numero quattro. Ad un primo stadio è interessato solo alle cose materiali; ad un livello successivo diventa più riflessivo e perseverante; ad uno stadio evoluto utilizza i suoi talenti per il bene dell’umanità. Se c’è un numero uno potrebbe esserci una spinta innovatrice ed una conservatrice.

Archetipo: costruttore    –    Colore: verde      –     Pietra: smeraldo, giada, avventurina

In ombra
Rischia di diventare rigido e di avere una visione unilaterale. La sua tenacia può diventare testardaggine e viene destabilizzato dai cambiamenti che non accetta facilmente. Ha paura dell’ignoto e ansia per il futuro. Dà poco spazio alle emozioni.

Può eccedere nel lavoro, sovraccaricando il sistema nervoso. Può vedere l’ozio e tutte le attività di svago come una perdita di tempo.

NUMERO 5

Parola chiave: movimento, comunicazione, sperimentare attraverso i sensi

E’ spirito libero e un cercatore in viaggio verso la conoscenza di sé. Propenso al cambiamento, ha una personalità dotata di fascino e sensualità. Ha bisogno di novità perché si annoia facilmente ed è sempre spinto verso nuove avventure (come l’Ulisse). Molto vitale e passionale, è attratto dalle emozioni forti. E’ curioso ed attratto da tutto ciò che è possibile sperimentare con i cinque sensi. Può esagerare nello sperimentare il piacere dei sensi, eccedendo nel cibo, nell’alcol, nel sesso.
Fa molta fatica a mettere radici o ad essere vincolato. Portato per attività a contatto con il pubblico. Molto comunicativo, tende ad avere molte amicizie diverse tra loro ma superficiali. Capacità di eloquio molto sviluppata. Comunica molto bene sia a parole che attraverso il corpo. Ad un livello evoluto conduce a comprendere che il vero viaggio è quello interiore e che la vera ricerca è quella spirituale. Se il 5 è nel destino potrebbe suggerire che occorre imparare ad andare controcorrente. Se nel quadro è presente il 4 potrebbe esserci un conflitto tra il bisogno di stabilità e di sicurezza del 4 e il bisogno di libertà e di movimento del 5. Con il 6 porta anche desiderio di amore e di stabilità.

Archetipo: cercatore – Colore: turchese – Pietre: turchese, acquamarina

In ombra
Nel suo lato ombra, non vive in maniera equilibrata la realtà materiale. O abusa o si astiene. Ha paura di mettere radici, di crescere e di perdere la libertà. Vive un conflitto tra ragione e istinto. Può portare ad iniziare tante cose e non portarne a termine nessuna. Può alternare momenti di auto-imposizione di regole rigide a momenti di irrequietezza e bisogno di fuga. L’uomo può cercare la madre in ogni donna. Nella donna può far sorgere paure o conflitti circa la maternità perché potrebbe vivere come un limite alla propria libertà avere dei figli. Ha bisogno di maggior contatto con le radici, di sviluppare la forza di volontà e di imparare a moderare l’istintività.

NUMERO 6

Parola chiave: amore, famiglia, disponibilità, armonia, affettività

È una persona responsabile. E’ una persona stabile, seria che necessita anche di relazioni stabili e durevoli nel tempo. Le sue relazioni sono guidate dall’affettività e dal sentimento. E’ molto socievole e ama stare con gli altri. Tiene molto in considerazione la famiglia, sia a famiglia di origine e i figli, sia la famiglia intesa in senso più ampio. Simboli: la casa, la famiglia. Ha bisogno di sentirsi utile e di prendersi cura degli altri. Ha la tendenza a prodigarsi per chi soffre o è bisognoso.
C’è molta predisposizione a dare più che a ricevere e un atteggiamento di cura, materno nei confronti degli altri, anche del partner. Il rischio è quello di creare dipendenza e di dipendere dalla dipendenza degli altri. Un altro rischio è quello di sacrificarsi per l’altro dimenticando se stessi, identificandosi con il ruolo della crocerossina o del salvatore. Se ha il cinque in ombra prevarrà il desiderio di essere liberi, di trasgredire. È sensibile nei confronti dell’arte e della bellezza. Ha la spinta a migliorare l’ambiente sociale. Ha bisogno di rendersi utile. Adatto a professioni quali l’insegnamento e l’educazione.

Archetipo: angelo custode – Colore: blu – Pietra: zaffiro, lapislazzuli

In ombra
Prendersi cura degli altri può diventare un soffocare, impedendo l’espressione dei talenti dell’assistito. Quando dona ma in maniera condizionata, aspettandosi di ricevere un riconoscimento. Ha la tendenza a voler per forza educatore tutti, tendendo a correggerli sempre se sbagliano. Per compiacere gli altri, sacrifica se stesso e attira sempre persone bisognose.

Per trasformare l’ombra deve aiutare solo chi ne ha veramente bisogno e soprattutto chi vuole essere aiutato. Permettere agli altri di essere autosufficienti e non creare dipendenza. Imparare a ricevere dagli altri e quindi imparare a ricevere dalla vita stessa; anche gli altri hanno diritto di sperimentare la gioia del donare. E’ importante delimitare i confini per non rischiare di farsi succhiare l’energia dagli altri. Lasciare andare il controllo.

NUMERO 7

Parole chiave: ricerca, meditazione, mente

È un ricercatore della conoscenza e della verità. Tende alla spiritualità e alla ritualità. Gli piacciono i piccoli gesti cerimoniali. È adatto alla pratica della meditazione e dello yoga. Ha bisogno di silenzio e di solitudine. Raffinato e perfezionista, può essere molto selettivo. Essendo un perfezionista quando si dedica a qualche cosa diventa un esperto. Non sopporta la volgarità. Ha la tendenza agli sbalzi d’umore. Introverso, scettico e riservato è spesso mentale e alcune volte si stacca dalle emozioni. Attratto dal mondo dell’occulto e del mistero è spesso dotato di capacità medianiche o telepatiche. Il sette è in contatto con l’inconscio collettivo più degli altri numeri. Essendo in relazione con il cosmo, sente per cui può scaricarsi facilmente. E’ il ponte tra cielo e terra. Se ha il 3 o il 5 presenti nel quadro numerologico a tendenza all’introspezione viene mitigata.

Stadi evolutivi:
1 ricercatore spirituale
2 apprende l’umiltà e onora tutti i sentieri
3 comprende che non esiste una verità assoluta

Archetipo: saggio – Colore: viola rosso e blu – Pietra: ametista

In ombra
Può diventare troppo cerebrale e quindi non essere in contatto con i sentimenti e le emozioni. Tende al perfezionismo eccessivo. Rischia di perdere interesse per il quotidiano, ritirandosi in un isolamento. Può diventare un freddo osservatore: distacco eccessivo. Può cadere nel cinismo. Crede che solo il suo sentiero di conoscenza sia quello giusto e quindi tende a criticare gli altri.

NUMERO 8

Parole chiave: autorevolezza, ambizione, efficienza, posizioni di rilievo, senso di responsabilità

Si sente a proprio agio nel mondo materiale. E’ capace di portare le proprie idee sulla terra, di concretizzarle. Essendo autorevole ha la capacità di portare equilibrio nell’ambiente. Stratega, individua i propri obiettivi e riesce ad ottenere successo e riconoscimento. E’ attratto dal prestigio. E’ un doppio quattro quindi unisce la capacità di realizzare tipica del quattro alle qualità di leadership. E’ tenace e ha naso per gli affari. Si sente a proprio agio con i soldi. A differenza dell’uno non ha doti di innovare o pioniere, ma preferisce seguire metodi già collaudati. Ha un’energia psico-fisica elevata. Deve imparare l’equilibrio tra lavoro e relax. Sente il bisogno di contribuire al bene e al progresso dell’umanità che vive come regno. Preferisce il lavoro alla famiglia che comunque vive come suo regno. È definito mediatore tra il corpo e lo spirito

Stadi evolutivi:
ad un primo stadio è solo interessato a far fruttare le proprie risorse;
ad un livello più evoluto utilizza le sue doti di leader per gestire attività socialmente utili;
ad un livello evoluto desidera contribuire a migliorare il pianeta. Il vero potere è l’amore.

Archetipo: sovrano – Colore: rosa (rosso + bianco) – Pietra: diamante e quarzo rosa

In ombra
Se vuole raggiungere un obiettivo, può mettere da parte i sentimenti e diventare freddo e calcolatore. Può cadere nel materialismo e smettere di controllare ogni cosa. Prende le cose troppo sul serio. Deve fare attenzione: all’arroganza, alla falsa modestia, alla tentazione di abusare del potere personale e di dominare gli altri, alla tendenza a dominare nel rapporto di coppia. Poiché ha molto controllo mentale, fatica a contattare il bambino interiore. Occorre che unisca anche le doti femminili della dolcezza e dell’innocenza.

NUMERO 9

Parole chiave: Amore universale, compassione, generosità, fratellanza, carismatico e ispiratore

Generoso e compassionevole aiuta il prossimo senza chiedere nulla in cambio con grande disponibilità verso tutti quelli che hanno bisogno di aiuto. Ha una grande senso di fratellanza universale e la esprime con tutte le creature della terra.
Esercita un notevole fascino sull’ambiente. La sua presenza attira le persone. Suscita emozioni nell’altro. Ha una forte sensibilità e forza interiore. Ha una grande creatività e attrazione verso molteplici interessi, quali la musica, la letteratura, la filosofia. La musica è uno dei suoi simboli perché ha la capacità di unire tutti i popoli. La musica è uno strumento dell’anima. Il numero nove è collegato all’iniziazione perché essendo un numero di compimento, il culmine dell’evoluzione conduce ad un passaggio evolutivo. Spesso il ritorno a chi siamo, alla nostra integrità è preceduto dal riemergere dell’ombra che possiamo trasmutare con il perdono. E’ colegato ai miti di Orfeo, che incantava con la sua musica ed il suo canto, di S. Francesco, in sintonia con la natura, di Visnu, che si reincarna 9 volte. Con la presenza dell’otto e del quattro c’è più attenzione alla parte materiale.

Stadi evolutivi:
ad un primo stadio evolutivo può non essere consapevole dei suoi doni;
ad un livello più elevato ne diventa consapevole e comincia a porsi al servizio degli altri;
ad un livello più evoluto comprende l’amore incondizionato.

Archetipo: liberatore – Colore: arcobaleno – Pietra: opale nobile

In ombra
Può non essere consapevole del suo carisma. Se è inconsapevole può usare i suoi talenti in maniera dispersiva e magari solo per fini egoistici. Se emerge l’ombra e non viene capito può cadere nel cinismo. Può avere paura di mostrare la propria sensibilità.

SIGNIFICATO ESOTERICO

NUMERO 1
Il numero 1 è il numero di Dio il primo dei numeri , che gli occultisti identificano con la Cosa Unica, nella quale si riassumono L’Universo, l’Uomo e la Natura Divina. Rappresenta Dio in quanto Padre perché è simbolo del fallo eretto, significato della potenza generatrice, Dio creatore, è origine di ogni cosa nell’Universo, come l’1 è il numero originale. Per questo, l’1 è il numero dei capi e dei pionieri (come si vedrà in seguito negli altri link) indica inizi, poiché è il primo dei numeri e quindi è il “capo” di tutti gli altri. Caratteristica delle persone che cadono sotto il suo influsso è quella di dominare chi è loro intorno, infatti, quando si aggiunge 1 ad un numero pari questo si trasforma in dispari, e viceversa. Le persone 1 sono ben fisse nei propri propositi e monolitiche nel carattere, perché se l’1 viene moltiplicato o diviso per sé stesso, rimane 1, e questo non avviene negli altri numeri. L’1 si rizza superbo e altezzoso verso l’alto – in tutte le simbologie lo si è sempre raffigurato con una barretta verticale, rappresenta così, anche in senso figurativo, il carattere delle persone o degli eventi che cadono sotto il suo influsso. Le caratteristiche dei soggetti con i numeri 1 sono simili a quelle attribuite a Jehovah nell’Antico Testamento: dominio, potenza, creatività, originalità, determinazione, individualità, auto proclamazione del proprio diritto, rifiuto di collaborare con altri o di tollerare rivali.

NUMERO 2

Il numero 2 è il primo dei numeri pari: come l’1 è maschile, il 2 è il suo contraltare diretto femminile,  “negativo”, connesso alla ricettività e al “male”. Le caratteristiche legate al 2 sono quelle che tradizionalmente si associano alla femminilità: morbidezza, dolcezza, modestia, docilità, subordinazione, ma anche malizia, astuzia, crudeltà sottile, infedeltà, doppiezza. Nell’amplesso la donna ha un ruolo ricettivo e passivo, di conseguenza il 2 è il numero dell’accettazione passiva e della ricezione. Gli individui 2 raggiungono i loro fini mediante la diplomazia e la persuasione, perché è noto che le donne ottengono ciò che vogliono soprattutto esercitando le arti della lusinga e della seduzione. La componente di crudeltà, malizia e inganno legata alla natura del 2 deriva principalmente dalla connessione di questo numero con il Diavolo: il 2 viene considerato il più malvagio dei numeri, e tutti gli oggetti biforcuti o a due punte sono simboli diabolici, perché il 2 è il primo numero che spezza l’unità, cioè l’1, o Dio, non per niente sono 2 le corna del “Capro Infernale”, che dirige la danza delle streghe nel corso del Sabba. La strega, val la pena di notare, è il simbolo della parte negativa (maliziosa, astuta, crudele) nel duplice aspetto della femminilità.

NUMERO 3
Il numero 3 è il numero della creazione; secondo le teorie della numerologia, infatti, l’1 da solo, anche se è potenzialmente creativo, in effetti è sterile, perché, per quanto venga moltiplicato per sé stesso, rimane sempre 1. Il 2 non risolve il problema, perché posto di fronte al 1 genera una coppia di opposti e moltiplicato per 1 rimane 2: per riconciliare gli opposti e creare altri numeri occorre il 3. Ciò che si cela dietro questo discorso è il simbolismo sessuale del 3, che ha radici naturali: l’apparato genitale maschile è composto da 3 parti, di cui 2 sono uguali  e una è diversa. Secondo la teoria magica, Dio – che è l’uomo magnificato – visto in quanto creatore, deve essere analogamente triplice. Ne discende che il 3 ha il significato  dello sviluppo ordinato e armonioso e chi è posto sotto il suo influsso progredirà nella vita con facilità e fortuna, ottenendo senza fatica successo e simpatia. Essendo il numero della creazione, il 3 segna individui che provano un forte impulso a creare cose originali e ad esprimere sé stessi, sono quindi artisti, ed hanno un temperamento ciarliero e spiritoso. Ciò è confermato da fatto che il 3 è il numero del triangolo, e quindi della superficie (sono sufficienti 3 punti per individuare un piano): gli individui 3 sono dunque molto “in superficie” affascinanti, allegri e brillanti. La loro tendenza a disperdere gli sforzi dipende anch’essa dal simbolismo del triangolo, poiché si volgono in 3 direzioni contemporaneamente.

NUMERO 4

Il numero 4 è inevitabilmente un numero dagli influssi negativi e ritardatori, in quanto è pari, quindi passivo, femminile e malvagio e si ottiene doppiamente dal 2 sia come 2+2 sia come 2 x 2. E’ il numero della solidità e dell’immobilismo, perché 4 punti bastano per costruire il più semplice dei solidi geometrici, cioè il tetraedro piramide a base triangolare, inoltre, bisogna ricordare che secondo le cosmologie tradizionali, ogni cosa nel mondo sensibile è formata da una mescolanza in diverse proporzioni di 4 elementi – Terra, Acqua, Fuoco, Vento e caratterizzata da una mistura di 4 qualità essenziali Secco, Umido, Freddo, Caldo, perciò il 4 rappresenta la materia solida. Le persone caratterizzate da esso sono persone “solide”, ben radicate, coi piedi per terra, ma sono anche pesanti, monotoni e uniformi. Tuttavia, spesso sono squassati da esplosioni di violenza incontenibile, come la terra è sconvolta da terremoti e sommovimenti occulti. I 4 sono lavoratori pesanti e instancabili – coltivatori, ingegneri – ma spesso operano duramente e metodicamente per compensi incerti e inadeguati.

NUMERO 5
Il numero 5 nasce dal primo numero femminile il 2 aggiunto al primo numero compiutamente maschile il 3 come abbiamo visto infatti l’1 è sterile. E’ dunque il numero della sessualità, in particolare di quella maschile perché nell’amplesso la donna è “aggiunta” all’uomo per il piacere di questi. Come il 3 rappresenta il sesso in funzione procreativa, così il 5 sta per il godimento sessuale, il sesso fine a sé stesso, non è un caso che alcune delle caratteristiche degli individui 5, così sono descritte dai numerologi, appaiano alla stregua di diretti riferimenti fallici: prontezza, impulsività, inquietudine, elasticità, cedevolezza. Si dice che gli individui 5 si ritraggano in fretta e detestano essere costretti in basso. In senso simbolico il 5 rappresenta la sensualità e i piaceri della carne perché è il numero dei 5 sensi domina quindi coloro che ascoltano gli impulsi della carne più che quelli dello spirito. Il 5 configura l’uomo “naturale” perché è non soltanto il numero dei sensi ma anche quello che esprime la Natura, è infatti composto dal1 e il 4 e quando si aggiunge la vita alla materia il risultato è il Mondo della Natura, l’humus vitale, l’ambiente ecologico formato dalla base inanimata, dalle piante, dagli animali e dall’uomo. Gli individui 5 sono persone multiformi perché il pentagono, loro simbolo, ha molti lati, per la stessa ragione ed anche perché il 5 è esattamente a metà strada della serie delle cifre elementari da 1 a 9 essi possono essere versatili e adattabili, ma anche esitanti e incerti, con gli occhi che si volgono in avanti e all’indietro alternativamente.

NUMERO 6
Il numero 6, pur essendo rea inumeri pari, non è tendenzialmente infausto come il 2 e il 4 perché aritmeticamente è un numero “perfetto” si chiamano così quei numeri che sono pari alla somma dei loro divisori, infatti i suoi divisori sono 1,2,3 e 6=1+2+3. Poiché si tratta di numeri molto rari ( si conoscono solo i primi cinque: 6, 28, 496, 8128 e 33550336), sono considerati particolarmente significativi e fortunati, inoltre, il 6 nasce anche dal prodotto dei suoi divisori poiché 1x2x3= 6 , di conseguenza, venne ritenuto un numero particolarmente armonioso, equilibrato, ben integrato e non turbato da conflitti interni. Se ne fece discendere che gli individui 6 sono tranquilli, contenti, integrati nell’ambiente e nelle società, placidi: le qualità serene e luminose del 6 sono sottolineate dalla sua caratteristica di numero dell’amore familiare e della pace domestica, ciò deriva dal fatto che il 6 nasce dal prodotto del primo numero femminile, il 2 con il primo numero maschile, il 3 nell’amore coniugale, lecito e santificato, la donna è “moltiplicata” cioè fecondata  dall’uomo per fare figli legittimi. Il significato del 6 perciò è il numero del matrimonio, della famiglia, della casa, la sensualità femminile infatti si esprime legittimamente e armoniosamente soltanto nel matrimonio. Rappresenta quindi in primo luogo la “sposa e madre esemplare” ma anche, per estensione, lo “sposo e padre”. Gli individui 6 sono fedeli, leali ,affezionati, degni di fiducia, dediti soprattutto alla famiglia e ai figli, efficienti e lavoratori, ordinati, puliti, al limite anche monotoni, noiosi e un po’ pettegoli. Possono avere successo nelle arti, poiché possiedono raddoppiata la forza creatrice del 3, senza la sua sregolatezza.

NUMERO 7
Il numero 7 non soltanto è numero primo, cioè non è prodotto dalla moltiplicazione di altri numeri ma in più non produce neppure, moltiplicandosi, alcun numero dei primi dieci, in questo differisce  dalle altre cifre da 1 a 9, si pensò quindi, che fosse distaccato da esse, isolato e incapace di comunicazione. Ne segue che chi è sotto il suo dominio è un solitario, tagliato fuori dalla società comune, incapace e tutt’altro che desideroso di spiegare se stesso e le sue motivazioni. L’idea di mistero e magia che circonda il 7 è legata tuttavia anche al fatto che lo si volle riconoscere come numero che regola gran parte dei più importanti cicli vitali sulla Terra: preminente è il ciclo lunare, chi è a contatto con la natura sa che il ciclo della vita e della morte sulla Terra, nascita, crescita e declino di piante, animali e uomini è connesso al crescere e decrescere della Luna nel percorrere il suo ciclo infinito di nascite e morti nel cielo. Il ciclo lunare è formato di quattro fasi e ciascuna di esse dura all’incirca sette giorni; questa fra l’altro è l’origine dell’attuale calendario, che era nato per seguire l’andamento lunare, ma poi è stato modificato dal clero per seguire il ciclo solare, poiché si passò da una religione lunare-pagana a una solare-monoteista-accentratrice – che regola la vita d’ogni giorno sulla base di cicli mensili composti ciascuno di quattro settimane, con l’aggiunta di alcuni giorni alla fine di ogni ciclo per coprire il periodo di “Luna Nuova”, in cui il nostro satellite non è visibile nel cielo. In seguito alle confessioni fra microcosmo e macrocosmo, cioè tra l’uomo e l’universo, anche il corpo fisico subisce l’influsso di cicli settenari, ed infatti esso ogni sette anni rinnova tutte le sue cellule, le mestruazioni delle donne avvengono secondo cicli di 7×4 giorni e durano tre giorni e mezzo – cioè 7:2 – , nel volto umano vi sono sette orifizi, e così via, ciò per non contare quanto nella natura è raggruppato in ordine di sette (i colori dell’arcobaleno, le note musicali, e così via). Le caratteristiche e il significato del 7 in numerologia tengono dunque conto del suo carattere di numero che conserva le chiavi occulte dei ritmi vitali; il 7 simboleggia profonda saggezza , interesse per la religione, e la filosofia, ricerca delle verità eterne, segretezza e mistero, è inoltre il giorno in cui Dio si riposò dopo la creazione: questo riposo assume carattere sacro ed è indice di riflessione dopo la fatica e l’impegno, di separazione dal mondo, introspezione e meditazione.

NUMERO 8

Il numero 8 è formato da 4+4. Il 4, come già detto, è il numero della materia, il suo doppio rappresenta l’interesse per le questioni terrene e il successo nelle vicende materiali e mondane. Mentre l’individuo 4 deve faticare duramente per ottenere le sue ricompense, l’otto può raggiungere rapidamente grande fortuna in termini di denaro e potere, altrettanto rapidamente, però, può giungere il tracollo, dovuto ad errori di calcolo o a circostanze impreviste. Alla base del significato dell’8 vi è un simbolismo di natura anatomica: l’8 viene tradizionalmente associato alla vagina, cioè alla porta attraverso la quale una nuova vita entra nel mondo, significa dunque impegno nelle cose terrene perché,nascendo, un nuovo individuo fa il suo ingresso sulla scena del mondo, e successo o fallimento sono le due grandi possibilità che gli si offrono, per questo indica anche l’esistenza dopo la morte, che per gli individui religiosi rappresenta l’accesso ad una “nuova vita”. E’ dunque il numero che rappresenta la continuità eterna, non per nulla il simbolo matematico dell’infinito è un otto coricato su un fianco.

NUMERO 9
Il numero 9 rappresenta le grandi realizzazioni mentali e spirituali perché è l’ultima e la più alta delle cifre elementari: denota quindi le sue qualità “superiori”. Poiché il 9 è originato da 3×3, gli individui 9 sono dei tre “magnificati”, cioè nei quali le caratteristiche positive e i difetti del numero generatore si trovano in grado più alto, è dunque un numero connesso con l’amore, perché possiede moltiplicata la forza sessuale maschile del tre. Questo amore, però, può anche spiritualizzarsi, esplicandosi in compassione per l’umanità, responsabilità sociale, desiderio di agire in senso benefico. D’altra parte il 9 può assumere anche un significato nettamente egoistico, è infatti un numero che ritorna sempre su sé stesso: quando lo si moltiplica per qualsiasi altro numero, si ottiene un risultato le cui cifre sommate fra loro, danno ancora 9, inoltre, se si sommano  le cifre dall’ 1 al 9 si ottiene 45, e 4+5=9, ancora una volta. In senso elevato il 9 è il numero dell’iniziazione, perché essendo l’ultima e più alta delle cifre elementari segna la fine di una fase dello sviluppo spirituale e l’inizio di un’altra fase superiore, simboleggiata dal passaggio dalle unità alle decine.

NUMERO 11
Il numero 11 è il numero degli apostoli che ( tolto Giuda) rimasero fedeli a Cristo e diffusero nel mondo il messaggio del Salvatore, per questo è detto “il numero delle rivelazioni” e chi è sotto il suo influsso ritiene di avere un messaggio particolare da comunicare al prossimo. Questo significato viene ulteriormente sottolineato dal fatto che l’11 è la prima cifra che segue il 10; secondo il simbolismo pitagorico, la serie di numeri dall’1 al 10 esprimeva “la somma di tutte le cose”, cioè l’intero mondo creato. L’11 essendo l’inizio di una più alta serie di numeri , simboleggia un piano di conoscenze e realizzazioni più elevato di quello normale e consueto. Interpretandolo come Dio (1) aggiunto al Mondo (10) si spiega  ulteriormente il senso di “numero delle rivelazioni” attribuito all’11: è il segno dell’inizio della conoscenza di Dio, cioè l’ingresso nella vita superiore dei cieli. Gli individui 11 sono perciò maestri e predicatori, al limite santi e martiri, comunque persone che intravedono una realtà separata da quella normale e si sforzano di additarla ai loro simili.

NUMERO 22
Il numero 22 trae la sua importanza dalla tradizione biblica: sono 22 le lettere dell’alfabeto ebraico, 22 (secondo il computo ebraico) i libri del Vecchio Testamento, e 22 le cose che Dio  generò nei suoi sei giorni della creazione l’elenco di queste ultime è fornito da Isidoro di Siviglia, nel primo giorno Dio creò la materia informe, gli angeli, la luce, i cieli superiori, la terra, l’acqua e l’aria; nel secondo creò il firmamento; nel terzo i mari, le semenze, le erbe e gli alberi, nel quarto il Sole, la Luna e i Pianeti; nel quinto i pesci, i rettili acquatici, quelli terrestri e gli uccelli; nel sesto gli animali selvatici, quelli domestici e l’uomo. Nell’atto della creazione, Dio in effetti si limitò a nominare gli enti creati, i quali immediatamente vennero in esistenza in risposta alla pronunzia – qui vi è un grande segreto che però esula l’argomento che stiamo trattando – del loro nome, perché il nome di una cosa ne contiene l’essenza. Dato che Dio creò tutto, i 22 nomi stanno dunque per “tutto ciò che esiste”, e nel 22 è racchiuso il segreto della creazione dell’universo da parte di Dio. L’individuo 22 è perciò un dominatore, che si distingue in maniera singolare nei confronti di quanti gli stanno intorno, così come l’Altissimo si distingue dalla creazione

Gli operatori: